fbpx

Alcol e bevande da asporto

Alcol e bevande da asporto, proroga al 14 luglio

Comune di Bologna, nuova ordinanza anti alcol, stop anche ad acqua e bibite da asporto. Ascom: «Eccessivo carico di responsabilità sui gestori, un intervento troppo forte preso in ragione di pochissimi casi, quando invece sono tanti i locali virtuosi che hanno fatto sacrifici per far rispettare al meglio le regole»

C’è un tema che sopravvive a Bologna, come nel resto d’Italia. Quello degli assembramenti all’esterno dei locali, problematici durante tutta la fase 2 e a da combattere ancora durante la decisiva fase 3 post Covid, cominciata ieri in tutta laregione con la stura del presidente Bonaccini. Non a caso, il Comune – nello specifico il settore Commercio guidato dall’assessore Alberto Aitini (nella foto in basso) – sul tema ha deciso di reiterare l’ordinanza anti alcol sdoganata poco più di 20 giorni fa, ma con una doppia differenza sostanziale: l’asporto dalle 22 in poi è vietato per qualsiasi bevanda in qualsiasi supporto, foss’anche una bottiglietta d’acqua di plastica. Ed è severamente vietato pure consumare la bevanda anche a due metri dal dehors: l’obbligo per i gestori dei locali è quello di somministrare bevande che possano essere consumate all’interno del locale o seduti ai tavolini. Appoggiati a una colonna a qualche metro di distanza, meglio di no. Anche perché, come ricorda l’ordinanza bis di Palazzo d’Accursio – che sarà in vigore fino al 14 luglio –, se le regole fissate dall’ordinanza non saranno rispettate, si potrà incorrere per gli osti in una salata sanzione fino a 400 euro. Le nuove misure L’ordinanza, come dicevamo, segue il provvedimento firmato dal sindaco il 26 maggio scorso e rimasto in vigore fino a due giorni fa. È possibile l’apertura alle 6 e la chiusura alle 21 degli esercizi di vicinato del settore alimentare e misto che si trovano nell’area del centro storico delimitata dai viali di circonvallazione. Mentre i laboratori artigianali alimentari, in tutta la città, hanno il divieto di vendere per asporto bevande alcoliche e ogni altra bevanda in contenitori di vetro o lattina dalle 21 alle 6 del giorno successivo. Più stringente la misura per gli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

La misura ricalca quasi completamente l’articolo 14 del Regolamento di Polizia Urbana (che sulla carta vieta comunque l’asporto dopo le 22), ma aggiunge un paio di rafforzativi. I locali n tutta la città, oltre a dover rispettare il Regolamento di Polizia Urbana e quindi non vendere per asporto bevande alcoliche e ogni altra bevanda in contenitori di vetro e lattina dalle 22 alle 6 del giorno successivo, hanno anche l’obbligo, sempre dalle 22 alle 6, di somministrare qualunque bevanda e ogni altro genere alimentare esclusivamente all’interno del pubblico esercizio o del dehors, «impedendo – si legge nell’ordinanza – che gli avventori consumino, fuori da questi spazi, i prodotti somministrati». Scettica Ascom per queste scelte. «Ok la proroga – sottolinea il direttore Giancarlo Tonelli –, ma ci sembra decisamente eccessiva l’ulteriore responsabilità che va a ricadere sui titolari delle attività, peraltro con una ‘minaccia’ di una multa di 400 euro. Mi pare – aggiunge Tonelli – un intervento eccessivo preso in ragione di pochissimi casi, quando invece sono tanti i locali virtuosi che hanno fatto sacrifici per far rispettare al meglio le regole. C’è stata una collaborazione molto forte tra tutti, associazioni, attività, istituzioni, vigili e forze dell’ordine. Quindi questa misura poteva essere gestita diversamente, è eccessivo il carico di responsabilità nei confronti dei titolari delle attività. Semplicemente – conclude Tonelli –, in ragione dei buoni risultati dalla prima ordinanza appena terminata, non ce n’era bisogno»

Il Resto del Carlino, 16 giugno 2020

Referente


Gianluca Lolli

Responsabile

Contatta il nostro referente per avere un filo diretto.
Siamo a tua disposizione. Sempre.

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più