fbpx

Coronavirus, le botteghe di periferia nel post lockdown

La testimonianza di Marinella Degli Esposti (Alimentari Alberto) ed Enrico Franchi (Ottica Firenze)

Marinella Degli Esposti
Alimentari Alberto
Assodato il concetto che a soffrir meno la pandemia economicamente parlando siano stati i commercianti di alimentari, la situazione migliora ancora di più spostandosi in periferia. Come in zona Bolognina, dove in via Corticella ‘Alimentari Alberto’ di Marinella Degli Esposti ha lavorato sempre e bene.
Degli Esposti, per voi un lockdown che non c’è mai stato. Anzi.
«Non abbiamo mai chiuso l’attività, cercando di ampliare il nostro servizio a domicilio e mettendoci a disposizione in modo prioritario per il quartiere e per le persone più anziane. Siamo riusciti quasi sempre a soddisfare tutte le necessità dei clienti, più rapidamente rispetto alla grande distribuzione».
Che mesi sono stati marzo e aprile?
«Sono stati mesi d’incremento rilevabile soprattutto sui beni di prima necessita come latte e farina. Ma l’incremento è continuato anche dopo le riaperture, fino a settimana scorsa quando ci siamo ristabilizzati su ritmi di lavoro normali».
Questo incremento anche successivo il lockdown a cosa è riconducibile?
«Durante il lockdown i tempi di vita sono rallentati e ne ha beneficiato il commercio di vicinato. Noi abbiamo acquisito anche molti clienti che prima forse non avevano il tempo di passare. Inoltre il servizio a domicilio regge, per noi vale ancora un 20% in più».

Enrico Franchi
Ottica Firenze
Non è solo degli alimentari la ribalta di questo primo periodo post-pandemia nel commercio bolognese fuori dalle porte cittadine. Come nel caso dell’Ottica Firenze, in zona Savena.
Enrico Franchi, come ha affrontato l’attività i mesi di lockdown?
«Non abbiamo mai totalmente chiuso durante l’emergenza. Abbiamo piuttosto ridotto l’attività al minimo indispensabile, ma marzo e aprile per incassi possono darsi per persi».
E la ripartenza?
«Da maggio siamo ripartiti in poco tempo con un ritmo quasi normale, con incassi analoghi al 2019. Per arrivare poi a giugno, con consumi un po’ superiori alla media degli anni precedenti. Una crescita dovuta anche agli arretrati di marzo e aprile».
Rispetto ai vostri colleghi del centro storico o le grandi catene sentite quindi di aver avuto una ripartenza privilegiata?
«Sì, perché vuoi per il target di clientela fidelizzata e vuoi per tutte quelle regolamentazioni di contingentamento che scoraggiano l’ingresso nelle grandi catene, lavorando su qualità e non quantità in questo momento aiuta».
Qual è quindi il vostro bilancio?
«Diciamo che due mesi li abbiamo persi e si ripercuoteranno sul bilancio di fine anno».

f. z., il Resto del Carlino, 27 luglio 2020

Referente


Annalisa Gotti

Responsabile

Contatta il nostro referente per avere un filo diretto.
Siamo a tua disposizione. Sempre.

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più