fbpx

La complice omertà sulla cocaina

L’intervento di Michele Brambilla, direttore di Qn-il Resto del Carlino

Sul Corriere della Sera di ieri Beppe Severgnini, prendendo spunto dai festini di Bologna con minorenne, ha finalmente alzato il velo sulla più colossale ipocrisia nazionale anzi, sulla più colossale censura: quella che impone di non denunciare il pericolo del consumo di cocaina.

Si dice infatti che è un male lo spaccio: ma sul consumo scatta una complice omertà. L’articolo di Severgnini è un fatto importantissimo perché segna una svolta. Finora i grandi media avevano sempre glissato. Pochissime le eccezioni, fra cui la coraggiosa Maria Latella, la quale da anni grida che la droga fa male. Tutta la droga.

Scrive Severgnini: “Quando una ragazza di diciassette anni dice: ‘Mi hanno offerto agli altri, ero troppo fatta per dire no’, dovremmo farci una domanda. Perché accettiamo che la cocaina sia diventata protagonista della vita nazionale?”. E ancora: “Leggete con attenzione i resoconti in cronaca – i pestaggi, le risse, le aggressioni, perfino gli omicidi – e scoprirete che la cocaina c’entra quasi sempre”. E poi: “Chiedete alla polizia o ai carabinieri cosa c’è dietro molti incidenti stradali”.

Verità ovvie, evidenti. Ma taciute, appunto, da un media system attentissimo al rispetto dell’ambiente, alle diete, alla prevenzione delle malattie. Il colesterolo e la glicemia sono veleni, ma della droga non si parla.

I fumatori sono considerati assassini, dei cacciatori non parliamo neppure: ma chi consuma droga, beh, che c’è di male, sono problemi suoi. E invece no. “Il consumo di cocaina non è soltanto affare loro, come sostiene qualcuno; è anche affare nostro”, scrive Severgnini, che propone di “rendere pubblica l’identità del consumatore abituale”, perché uno avrà pur diritto, santo Dio, di sapere se il proprio medico, il proprio sindaco o l’autista dello scuolabus del proprio figlio è uno che si fa di coca.

Ma il nostro mondo ipocrita preferisce parlare di liberalizzazione, perché così si taglierebbero i viveri alla malavita. Un’assurdità che offende la ragione. Primo, perché la malavita trova sempre e comunque un modo per far quattrini (se ad esempio liberalizzi le droghe leggere, la mala continua a spacciare le droghe pesanti: o liberalizziamo anche quelle?); e poi perché il problema numero uno non è il fatturato delle cosche, ma la salute di tutti noi.

Bisogna urlare che la droga fa male, ma si preferisce fare i salutisti su altro, e sapete perché? Ecco, provate a immaginare perché molti politici e giornalisti, sulla droga, tacciono.

Michele Brambilla, il Resto del Carlino, 6 settembre 2020

Referente


Annalisa Gotti

Responsabile

Contatta il nostro referente per avere un filo diretto.
Siamo a tua disposizione. Sempre.

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più