fbpx

Restyling piazza Verdi, rimosse le fioriere

Spariscono i ‘gradoni’ ormai sporchi e fonte di degrado, spazio ai tavolini per allargare i dehors. Esultano residenti e commercianti

C’è chi non dimentica più i tre totem di Arnaldo Pomodoro, protagonisti di piazza Verdi dagli anni Settanta al 1990. Chi ricorda quei cubi grigi, «un po’ tristi e asettici», presi d’assalto dagli studenti più di recente, tra libri da studiare e birre sempre in mano. Chi con la mente torna invece ai container marroni e verticali del ‘Winter village’, verso cui molti si erano opposti, tanto da volerli vedere sparire. O chi, infine, si spinge fino alla vicina piazza Rossini, con il ‘prato urbano’ – provvisorio – che tanto ha fatto discutere.

L’arredo urbano del cuore dalla città da sempre è sulla bocca di tutti, e di certo non poteva passare inosservata l’ultima decisione dell’amministrazione, quella di rimuovere i gradoni costellati da alberelli in piazza Verdi. Fioriere diventate ormai negli anni simbolo di degrado, «ritrovo di punkabbestia e tossicodipendenti», che effettivamente avevano accumulato parecchia sporcizia e di certo non sembravano più un emblema di pulizia e decoro.

Ieri, nella più tipica delle scene bolognesi, diversi umarell sono rimasti a osservare attenti quella gru che, al di là delle transenne, ha finalmente fatto piazza pulita. In tutti i sensi. Al posto delle fioriere, ora, in pochi giorni arriveranno altri tavolini per far sì che il bar Piccolo & sublime possa allargare il proprio dehors, anche per fronteggiare le restrizioni imposte dal Covid: la richiesta del titolare è già stata inoltrata.

Una mossa, quella che dà vita al nuovo look di piazza Verdi, portata avanti da Alberto Aitini, assessore al Commercio e alla Manutenzione del patrimonio e del verde pubblico, per fare incrociare due priorità dell’amministrazione: la sicurezza dei bolognesi e l’attenzione alla ripartenza delle attività segnate dalla pandemia. Il comitato di piazza Verdi e dintorni esprime soddisfazione massima.

«La decisione è stata presa a seguito delle proteste reiterate da parte di cittadini e commercianti – sottolinea il presidente Ciavatti –: quel finto giardino era diventato il teatro di una rappresentazione squallida e illegale. Togliere piante e sedute infarcite di schifezze varie si era reso necessario». E fa quasi strano vedere residenti e commercianti della zona, per una volta, concordare all’unisono sulla necessità di intervenire e rimuovere le fiorere.

L’auspicio, adesso, è che quel vuoto non sia riempito nuovamente dagli stessi frequentatori dei gradoni, magari seduti a terra invece che a fianco degli arbusti. «Speriamo che si colga l’occasione per mettere in atto l’atteso piano per l’area fatto di controlli, cultura, recupero sociale – sottolineano ancora dal comitato –. Gli alberi sono utili e necessari, ma vanno difesi e rispettati, altrimenti diventano inciampi. In attesa di tempi migliori si tolgano pure queste maltenute radure, ma prosegua o parta l’impegno a costruire bellezza e cultura».

Da Palazzo d’Accursio, intanto, filtra come le fiorire non finiranno nel ripostiglio: due saranno riutilizzate in centro, tre in periferia.

Francesco Moroni, il Resto del Carlino, 18 settembre 2020

Referente


Annalisa Gotti

Responsabile

Contatta il nostro referente per avere un filo diretto.
Siamo a tua disposizione. Sempre.

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più