fbpx

«Non possiamo aprire a singhiozzo»

La manifestazione di Ascom sul Crescentone. Postacchini: «Bisogna organizzare la convivenza con il virus».

Tavole allestite e le note del Silenzio È una piazza Maggiore gremita quella che si presenta già alle 10.30 di ieri mattina, quando alla protesta pacifica e organizzata da Fipe Ascom Confcommercio in difesa di ristoratori e albergatori, per solidarietà con i gestori di pubblici esercizi sono scesi in strada anche centinaia di professionisti dal mondo dei teatri, cinema, palestre, piscine, eventi, sale scommesse e discoteche. E proprio sul Crescentone, dove a inizio settembre si era tenuta una cena in onore di medici e infermieri, oggi l’aria è molto diversa.

C’è paura e rabbia, verso provvedimenti che rischiano di far abbassare le serrande di un intero settore. Non fino al 24 novembre. Per sempre.

«Siamo ripiombati nel lockdown – spiega Enrico Postacchini, presidente di Ascom -. Si tratta di una decisione inaccettabile. Ci aspettano anni difficili in cui il virus non ci abbandonerà. E la soluzione è lavorare a singhiozzo? Rischiamo di ingrossare le fila di un esercito di disoccupati, impedendo a chi sta bene di andare a lavorare. Dobbiamo trovare una soluzione attraverso un patto nazionale per organizzare la convivenza con il virus e permetterci di andare avanti».

Tovaglie come veli pietosi vengono distese sul Crescentone, i ristoratori attorno e quasi come alla celebrazione di un lutto già consumato un musicista alla tromba intona ‘II Silenzio’. «Per moltissime attività la chiusura dalle 18 rappresenta una perdita del 60-70% del fatturato giornaliero – così Giancarlo Tonelli, direttore di Ascom -. Il punto è che queste persone lavoravano rispettando le regole indicate dal Governo. Perché ora accanirsi verso una categoria che ha sempre rispettato le normative?».

Il sindaco Merola ha poi incontrato una delegazione: «Ho chiesto di inviarmi le richieste perché le possiamo discutere nella prossima giunta e ho ricordato i provvedimenti che abbiamo preso come i 10 milioni per scontare la Tari». Plauso anche dall’assessore Matteo Lepore: «Bene l’ascolto e il dialogo con chi è drammaticamente preoccupato per il proprio lavoro. Oggi sono scese in piazza persone vere e sincere».

Francesco Zuppiroli, Il Resto del Carlino 29 ottobre 2020
Manifestazione pubblici esercizi in Piazza Maggiore, Bologna 28 ottobre 2020

Referente


Annalisa Gotti

Responsabile

Contatta il nostro referente per avere un filo diretto.
Siamo a tua disposizione. Sempre.

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più